Il sole della Sicilia “porta male” alla Casertana che cade anche ad Agrigento

Il sole della Sicilia “porta male” alla Casertana che cade anche ad Agrigento

apr 15, 2017

E sono tre! Pasqua amara per la Casertana che cade anche ad Agrigento e, dopo aver raggiunto la permanenza in Lega Pro, con queste tre sconfitte consecutive mette in serio pericolo l’obiettivo di centrare i play-off, un traguardo sì insperato ad inizio campionato, ma che ora rischia di sparire proprio nel finale di stagione.

AK-CE4

Assenti per squalifica Rajcic (ultima delle tre giornate comminategli dopo Castellammare di Stabia), Giorno ed Orlando, in campo mister Tedesco toglie Finizio e schiera D’Alterio, mettendo altresì Carriero e Colli in appoggio all’unica punta Cisotti. Ma non va! Senza Rajcic, la formazione rossoblù non ha un “faro” a centrocampo e la squadra appare troppo leggera e scollegata tra i reparti. Di contro, un Akragas deciso, pur nella modestia dei propri mezzi, a conquistare tra le mura amiche  i tre punti importantissimi per il suo cammino verso la salvezza diretta.

AK-CE3

Sotto un sole estivo, partono forte i siciliani e già al 3’ ci provano con Salvemini, ma senza fortuna. Al 6’ è il turno di Sepe, ma il tiro di destro è una “telefonata” per Ginestra. I rossoblù si limitano a contenere le sfuriate dei padroni di casa. Poi all’11 si affacciano nell’area agrigentina con un colpo di testa di Rainone, parato facile da Pane. L’Akragas conquista il predominio a centrocampo e manovra con troppa facilità mentre i casertani stanno a guardare, ma Ginestra non corre soverchi pericoli. Al 27’ Colli prova a rompere l’assedio, ma l’estremo difensore siciliano non si scompone.  Alla mezz’ora la partita cala di tono e per i rossoblù è più facile difendere. Ma nel finale la Casertana sembra cedere: prima al 39’ con Pezzella che manda fuori; poi al 43’ con Salvemini che, approfittando di un errore di Magnino, si presenta solo in area, ma Ginestra sventa in angolo. Al 45’ l’azione più clamorosa per la Casertana: Colli si invola sulla dx in area di rigore e spara un diagonale che Pane devia con il corpo. Si va al riposo sullo 0-0.

AK-CE2

La ripresa inizia con la Casertana che mostra un altro piglio e, nei primi 5’, con Cisotti e Carriero allerta la difesa siciliana. Ma proprio in quello che sembra il momento migliore dei rossoblù, passano i padroni di casa. Ripartenza dei siciliani sulla fascia sn, diagonale opposto per Coppola che si invola sulla dx, arriva quasi sul fondo e fa partire un rasoterra che Klaric in area di porta devia in rete, battendo l’incolpevole Ginestra. E’ l’8’ ed esplode lo stadio “Esseneto”. La Casertana accusa il colpo, ma gli agrigentini non ne approfittano. I rossoblù provano pertanto a rispondere al 16’ con un tiro di Carriero che termina fuori e, sei minuti dopo,  con una punizione di Cisotti che termina alta. L’Akragas cerca a questo punto il raddoppio, ma Salvemini sciupa prima con D’Alterio che salva sulla linea e, dopo poco, con un tiro deviato da Ginestra a lato.  Nel finale la Casertana si gioca il tutto per tutto ed al 41’ Ciotola (subentrato a Cisotti), dopo un furibondo batti e ribatti in area di rigore siciliana, tenta la deviazione vincente, ma Pane intercetta. Dopo due minuti, errore di Rainone, si invola Cocuzza, ma Ginestra sventa. L’arrembraggio finale degli uomini di mister Tedesco è improduttivo e la Casertana perde anche ad Agrigento. Ora, per tentare di invertire la tendenza negativa, l’attende al Pinto il forte Matera.

AK-CE5

In sala stampa mister Andrea Tedesco è decisamente rabbuiato: “Partita scomodissima. Ci ha dato uno stop e mi dispiace – ha detto ai microfoni di radio PRIMARETE – perché poi, nel primo tempo, hanno attaccato e nel secondo tempo hanno avuto due occasioni dal lato destro ove abbiamo fatto benissimo. Purtroppo la difesa ha fatto male sul loro gol e per questo ci dispiace. Ovviamente siamo molto, molto amareggiati nel perdere una partita così, una partita scomoda, sporca, con tante seconde palle, molti palloni buttati da dietro, poca anzi zero espressione di gioco. Con una squadra così, bisogna essere bravi. Bisogna riadattarsi, ritrovare nuova forza e nuova ambizione. Dico  sempre questo: se vuoi di più, devi fare di più, ti devi allenare di più, devi stare in campo di più. Ora  invece abbiamo avuto difficoltà a vestirci di questa nuova voglia perché, rassegnandosi, ti passa un po’ la voglia”. E’ toccato poi a Filippo Lorenzini (nella foto) intervenire in diretta su Radio PRIMARETE: ” Sicuramente loro sono entrati in campo più motivati di noi. Noi abbiamo provato a prendere in mano la partita, abbiamo fatto anche un paio di mischie in area clamorose, ma non siamo riusciti a finalizzare. Mi dispiace lasciare qui i 3 punti ed una sconfitta perché comunque vogliamo continuare questo cammino.  Sono però consapevole che le ultime partite non sono state come quel del resto del campionato, forse perché ci sentiamo un pò appagati, forse perché non abbiamo ben chiaro cosa vogliamo una volta che ci siamo salvati: Sembra che abbiamo un po’ mollato e tirato i remi in barca. Non siamo la Casertana che ha dimostrato di giocarsela con tutti. Domenica arriva il Matera, saranno arrabbiati, ma noi dobbiamo esserlo più di loro perché dobbiamo rialzarci e dobbiamo farlo in fretta perché comunque ci teniamo. Daremo sempre il massimo impegno, e questo vogliamo garantirlo ai tifosi fino alla fine del campionato. Vogliamo arrivare ai playoff. Dispiace aver rovinato la Pasqua ai nostri tifosi.

Akragas – CASERTANA 1-0

Akragas: Pane, Mileto, Riggio, Thiago, Coppola, Pezzella (87′ Caternicchia), Sepe, Rotulo (71′ Russo), Salvemini, Longo, Klaric. A disp.: Addario, Leveque, Privitera, Petrucci, Cocuzza, Tardo, Minacori, Sicurella, Amella. All.: Di Napoli.

​CASERTANA: Ginestra, Lorenzini, Magnino, De Marco, Corado, Ramos, D’Alterio, Carriero (75′ Taurino), Rainone, Colli (63′ De Filippo), Cisotti (82′ Ciotola). A disp.: Simone, Fontanelli,  Diallo, Petricciuolo, Finizio. All. Tedesco.

Arbitro: Mario Vigile di Cosenza. Assistenti: Valerio Vecchi di Lamezia Terme e Agostino Maiorano di Rossano Calabro

Reti: 53′ Klaric (A)

Ammoniti: Klaric, Pane e Russo (A); Ramos (C)

Note: 1300 spettatori con una trentina circa di sostenitori casertani. Corner: 5-5 Recupero: pt: 1′; st: 5′

Risultati

Akragas CASERTANA 1 - 0
Andria Fondi 0 - 1
Foggia Reggina 1914 1 - 0
Matera Lecce 1 - 1
Messina Melfi 3 - 4
Paganese Vibonese 1 - 1
Taranto Monopoli 0 - 1
Virtus Francavilla Juve Stabia 1 - 1
Catanzaro Siracusa 1 - 0
Catania Cosenza 0 – 2

Classifica

1 Foggia 80
2 Lecce 72
3 Matera 61
4 Juve Stabia 55
5 Siracusa 54
6 Cosenza 51
7 Virtus Francavilla 51
8 Paganese 49
9 CASERTANA 45
10 Fondi 45
11 Andria 45
12 Catania 43
13 Messina 39
14 Reggina 1914 38
15 Akragas 38
16 Monopoli 37
17 Catanzaro 35
18 Vibonese 32
19 Melfi 31
20 Taranto 30

Prossimo Turno

23.04. 14:30 CASERTANA Matera
23.04. 14:30 Juve Stabia Andria
23.04. 14:30 Lecce Messina
23.04. 14:30 Siracusa Paganese
23.04. 14:30 Vibonese Catanzaro
23.04. 18:30 Cosenza Akragas
23.04. 18:30 Fondi Foggia
23.04. 18:30 Melfi Taranto
23.04. 18:30 Monopoli Catania
23.04. 18:30 Reggina 1914 Virtus Francavilla

Condividi!

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Informativa Privacy | accetto

Contact Us

[shortcode]