Sport

Una Casertana decisa e grintosa “affonda” il Siracusa

La Casertana riesce ad espugnare lo stadio “De Simone” di Siracusa ed a portare a casa tre punti fondamentali, non solo in chiave salvezza, ma anche in chiave playoff. Ottima la prova offerta dalla squadra di mister D’Angelo che conferma l’ottimo stato di forma fisica e mentale, e annichilisce gli avversari rischiando solo sul finire di partita, quando Francesco Forte è bravissimo ad opporsi al colpo di testa di Mazzocchi, congelando il risultato sull’uno a zero. La zampata vincente porta, invece, la firma di Gianluca Turchetta: l’esterno di proprietà del Lecce dimostra settimana dopo settimana di essere l’uomo in più dei falchetti abbinando a goal fondamentali, prestazioni altrettanto importanti. Sesto risultato utile di fila per la Casertana che supera il Catanzaro ed avvicina la Sicula Leonzio.

La Casertana scende in campo, sul manto erboso del “Nicola De Simone” con l’obiettivo di allungare la serie positiva e, inoltre, compiere importanti passi avanti in classifica. Forti dei 5 risultati utili di fila, i falchetti cercano di vendicare la sconfitta del Pinto di un girone fa. Nonostante le assenze di Rainone e Rajcic, entrambi alle prese con guai muscolari, che costringo mister D’Angelo a fare i conti con le assenze anche quest’oggi, la formazione messa in campo dal tecnico pescarese non si discosta da quella “tipo”: al posto del difensore scende in campo, nel ruolo di centrale, Paride Pinna, mentre Romano, che bene ha fatto quando è stato chiamato in causa sostituisce il capitano. L’unica sorpresa nello scacchiere tattico rossoblù è costituita da D’Anna inserito in mediana, al posto di Carriero che parte dalla panchina; il peso del reparto offensivo è invece sopportato dal tandem Turchetta-Alfageme. Di contro il Siracusa allenato da mister Paolo Bianchi, reduce dalla sconfitta del “Massimino” e, che in settimana, è stato deferito per irregolarità amministrative, è intenzionato a riscattare la sconfitta di Catania ed a ripetere lo smacco dell’andata contro i rossoblu, proprio per restare stabilmente in zona playoff. A tal fine, il tecnico dei “leoni”, schiera dal primo minuto l’ex Mario Marotta, che ha salutato Caserta e la Casertana proprio nella scorsa finestra invernale di mercato. Le altre due conoscenze della Casertana, Mancino e Mangiacasale, con ogni probabilità invece, subentreranno a partita in corso.

Prima dell’inizio del match, le squadre si raccolgono per il minuto di silenzio in memoria di Davide Astori, prematuramente scomparso a soli 31 anni. Avvio di gara durante il quale le due squadre combattono a centrocampo affrontandosi a viso aperto. La prima trama offensiva interessante è costruita dalla Casertana al 18’: Romano lancia per Alfageme che a sua volta cerca e trova Turchetta che si accentra e tira, trovando però la parata di Tomei. Primo tempo tutto sommato equilibrato fino al 31’quando sono i falchetti a piazzare la zampata con Turchetta che batte Tomei e porta i suoi in vantaggio. Rossoblù che, sulle ali dell’entusiasmo, mettono all’angolo gli avversari ed al 44’ hanno l’occasione per raddoppiare con Alfageme che parte in contropiede ed in diagonale batte il portiere azzurro, trovando però il palo che gli nega la gioia del gol. Pochi istanti dopo è Turchetta ad impegnare Tomei: la sua conclusione da distanza ravvicinata però è respinta in corner dall’estremo difensore. È l’ultima occasione del primo tempo che termina con l’esaurirsi dei due minuti di gara decretati dal direttore di gara. Buona prestazione degli uomini di D’Angelo che, per quanto fatto soprattutto sul finire della prima frazione di gioco, meriterebbero un risultato più ampio. Praticamente mai impegnato Forte, spettatore non pagante dei primi quarantacinque minuti, sintomo di come in questa fase del campionato, la Casertana sappia tenere a bada gli avversari minimizzando le occasioni di pericolo per la propria retroguardia.

Alla ripresa dell’incontro mister D’Angelo non effettua sostituzioni: in campo scendono gli stessi undici uomini che hanno disputato la prima parte di gara; mister Bianchi invece richiama inserisce Parisi in luogo dell’ex Mario Marotta, che non ha sicuramente brillato. Partono subito forte gli ospiti pericolosi sull’asse Turchetta- Alfageme: l’autore della rete del vantaggio appoggia per l’attaccante argentino che scappa in contropiede e, dal limite dell’area di rigore, offre di nuovo la sfera al 27 rossoblù che calcia di prima intenzione, Tomei si oppone e disinnesca la conclusione in due tempi. Il primo squillo dei padroni di casa arriva al 54’ con Toscano che tenta la conclusione la quale termina, di poco, sul fondo. Al 57’ mister Bianchi, nel tentativo di agguantare il pareggio, inserisce gli ex Mancino e Mangiacasale. Proprio Mancino si rende pericoloso al 71’, il suo colpo di testa da buona posizione si perde però alto sopra la traversa. La Casertana risponde cinque minuti più tardi con Romano che calcia in porta dalla distanza: la conclusione del talentino scuola Napoli però, smorzata, è preda di Tomei. Il Siracusa preme per cercare il pareggio, e le sostituzioni effettuate dal tecnico dei leoni sembrano aver sortito effetto. Al minuto 83 arriva al centro dell’area rossoblù un traversone per l’accorrente Mancino che colpisce di testa mandando alto il pallone. Due minuti più tardi è Forte a compiere un vero e proprio miracolo sul colpo di testa da pochi passi di Mazzocchi, permettendo ai suoi di conservare il prezioso goal di vantaggio. Con il passare del tempo la partita si va via via spegnendo ed al termine del corposo recupero, ben sette minuti i minuti addizionali stabiliti dal direttore di gara, è lo stesso fischietto laziale ad emettere il triplice fischio, permettendo alla Casertana ed ai ventidue tifosi giunti da Caserta di gioire per il sesto risultato utile consecutivo.

In sala stampa mister Luca D’Angelo non ha certo nascosto la sua soddisfazione ai microfoni di Radio PRIMARETE: “Oggi abbiamo giocato una buona partita, soprattutto nel primo tempo chiudendo loro tutti gli spazi e creando, oltre al gol di Turchetta, anche altre occasioni come il palo colpito da Alfageme. Nel secondo tempo abbiamo rischiato solo su un calcio d’angolo dove è stato molto bravo il nostro portiere e gli applausi ricevuti dai tifosi del Siracusa testimoniano la nostra buona prestazione. E siamo anche molti felici di aver dato una gioia a quei 22 impavidi tifosi casertani che si sono sobbarcati questa lunghissima trasferta e che si sono fatti sentire con i loro incitamenti per tutta la partita. Credo che la squadra da punto di vista tattico e di equilibrio di gioco abbia fatto le cose che abbiamo provato in settimana e sono riuscite bene. Siamo anche ripartiti in maniera molto positiva nel primo tempo mentre nel secondo abbiamo ovviamente fatto più fatica perché loro hanno messo dentro cinque attaccanti. Ma il risultato ci premia per la prestazione positiva. Nel girone di andata abbiamo sprecato tanto sia per nostre disattenzioni, sia perché gli avversari ci punivano al nostro minimo errore, ma comunque vi erano segnali positivi a livello di prestazione. Nel girone di ritorno la squadra, avendo capito che è un campionato che non ti permette nessun passo falso, è più compatta e concentrata e stiamo andando alla grande, come tutti ci aspettavamo e volevamo. Adesso sarà più difficile per tutti affrontare questa Casertana.”

(Oreste Cresci)

Siracusa – CASERTANA 0 – 1

Siracusa: Tomei; Bernardo (dal 57’ Mazzocchi), Palermo, Giordano, De Silvestro (dal 57’ Mangiacasale), Catania, Daffara (dal 57’ Mancino), Marotta (dal 46 Parisi), Liotti, Altobelli, Toscano (dal 79’ Calil). A disp: Bruno, Di Grazia, Turati, Spinelli, Vicaroni, Punzi. All. Paolo Bianchi

Casertana: Forte; Pinna, Lorenzini, Polak; Finizio, De Rose, Romano, D’Anna (dal 89’ Carriero), Meola; Turchetta (dal 87’ De Vena), Alfageme (dal 74’ Padovan). A disp: Cardelli, Forte, Cigliano, Santoro, Minale, Tripicchio. All.: Luca D’Angelo

Arbitro: Vincenzo Fiorini da Frosinone

Assistenti: Gamal Mokthar da Lecco e Fernando Cantafio da Lamezia Terme

Reti: 31’ Turchetta

Ammoniti: Giordano (S)  e Lorenzini (C)

Note: 22 tifosi casertani presenti allo stadio “De Simone

Risultati

Catanzaro Trapani 1 – 2
 Fondi Andria 1 – 0
Juve Stabia Akragas 7 – 0
 Paganese Rende 3 – 0
 Reggina 1914 Monopoli 1 – 2
Bisceglie Cosenza 0 – 0
Lecce Matera 0 – 0
Sicula Leonzio Catania 0 – 0
Siracusa CASERTANA 0 – 1

Riposa: Virtus Francavilla                                            

 
Classifica PG PT
1 Lecce 28 60
2 Trapani 27 53
3 Catania 27 53
4 Matera 28 44
5 Juve Stabia 27 42
6 Siracusa 28 42
7 Rende 27 42
8 Monopoli 28 41
9 Cosenza 27 37
10 Bisceglie 27 35
11 Virtus Francavilla 27 34
12 CASERTANA 27 33
13 Sicula Leonzio 27 32
14 Catanzaro 28 31
15 Reggina 1914 28 29
16 Paganese 28 27
17 Fondi 28 26
18 Andria 27 24
19 Akragas 28 11

Prossimo turno

18.03. 14:30 Akragas Sicula Leonzio
18.03. 14:30 Andria Catanzaro
18.03. 14:30 Catania Reggina 1914
18.03. 14:30 Trapani Bisceglie
18.03. 14:30 Virtus Francavilla Siracusa
18.03. 16:30 Monopoli Paganese
18.03. 16:30 Rende Juve Stabia
19.03. 20:00 Cosenza Lecce
19.03 20:45 CASERTANA Fondi

Riposa: Matera

Consueto appuntamento su Radio PRIMARETE (sui 95.00 Mhz in FM ed anche in streaming su pc, tablet, iphone e smartphone dal sito www.radioprimarete.it) ogni lunedì alle ore 19.30 (in replica ogni mercoledì dalle 00.05) con “CALCISTICAMENTE PARLANDO”, condotto in studio da Giovanni FiorentinoStefanino De MariaMaurizio Lombardi ed Oreste Cresci con i loro ospiti. Per gli interventi in diretta in trasmissione: SMS al 338.99.48.576, mail a diretta@radioprimarete.it  oppure commento sulla pagina FB di Radio PRIMARETE

Condividi!