Sport

“Notte magica” al Pinto con la Casertana che ufficializza l’arrivo di Antonio Floro Flores

Doveva essere una serata di grande tripudio ed entusiastica passione per il popolo rossoblù di Caserta, dopo una campagna acquisti effettuata al “top” dalla Casertana F.C. del presidente Giuseppe D’Agostino.

E così è stata la presentazione in grande stile della nuova squadra rossoblù che si appresta a disputare il campionato di Serie C 2018-2019 con la ferma volontà di essere protagonista.

Curata in ogni dettaglio dall’Ufficio Stampa e Marketing della società di Corso Trieste, egregiamente diretto dal collega Giuseppe Frondella, la “notte magica” ha visto la tribuna dello Stadio Pinto letteralmente “presa d’assalto” dal popolo casertano che, in 5mila sugli spalti, non ha lesinato cori, urla ed incitamenti verso lo staff e la squadra onde spronarli ad una stagione sportiva che si preannuncia estremamente difficile, ma che la Casertana vuole disputare “alla grande”.

Più che un obiettivo, il “sogno”, neanche malamente celato, è quello di raggiungere la tanto sospirata promozione in Serie B, la terza in 110 anni di storia sportiva della Casertana Football Club.

Ma il primo a buttare acqua sul fuoco dell’entusiasmo è lo stesso Giuseppe D’Agostino, quello stesso Presidente che non ha lesinato, anno dopo anno, alcunché, non solo dal lato economico-finanziario, ma anche organizzativo ed aziendale, per ridare serietà e credibilità alla società e, contemporaneamente, mettere in piedi una squadra, tassello dopo tassello, composta da un mix di elementi di valore indiscusso e di categoria superiore con giovani di prospettiva davvero interessanti:  “Che siamo una buona squadra, non ci piove. Però voglio fare un appello a tutti: dobbiamo stare calmi! Troppe responsabilità su questa squadra non vanno bene. Sarà un campionato molto insidioso. Non c’è una sola squadra, ma cinque o sei. Noi non siamo inferiori a nessuno, ma siamo come le altre. Sono il primo a voler andare in serie B, ma vincere non è cosa facile. Dobbiamo farlo tutti insieme. Tutte le componenti devono remare dalla stessa parte. E, poi, ci vuole anche tanta fortuna”.

Ma se da un lato D’Agostino cerca di tenere tutti con “i piedi per terra”, dall’altro inietta continuamente ulteriore adrenalina nella passione rossoblù quando, dal palco, annuncia l’ultimo colpo della campagna acquisti, negli ultimi giorni diventato in Città un vero e proprio “segreto di Pulcinella”, tanto l’entusiasmo immediatamente diffusosi appena lo si è intravisto dalle parti di Corso Trieste.

Ed ora a vestire la casacca rossoblù, con il numero 9 sulle spalle, sarà quindi il partenopeo 35enne Antonio Floro Flores che, svincolato dal Chievo Verona, dopo aver disputato l’ultima stagione e mezza in B con il Bari (dove ha raccolto 40 presenze e segnato 7 gol), ha firmato un contratto biennale con i falchetti.

Il discorso del Pres. D’Agostino e l’ultima bomba di mercato Floroflores!

Pubblicato da Gold WebTv su Giovedì 6 settembre 2018

                                                                 ( Video realizzato da Gold Web Tv )

Nato a Napoli il 18 giugno del 1983, Floro Flores è nato calcisticamente nel Napoli con cui ha esordito in serie A nel 2001 in una partita contro la Roma. Da allora è stato un susseguirsi di presenze tra la massima serie e la B con Sampdoria, Perugia, Arezzo, Udinese, Genoa, Sassuolo, Chievo e Bari ed anche una stagione in Spagna con il Granada.

Più di 110 goals nei vari campionati a cui vanno aggiunti i 5 realizzati con le maglie delle Nazionali italiane under 17-18-19-20 e 21.

Calciatore di indiscussa classe, Antonio Floro Flores, pur avendo alle spalle una grande carriera, non ha avuto in verità dalla sorte quanto professionalmente avrebbe strameritato.

( Antonio Floro Flores )

Per la Casertana rappresenta ora davvero un gioiello da incastonare in una collana già composta dai vari Castaldo, D’Angelo, Vacca, Zito, Russo, Pasqualoni, Blondett, Alfageme, Pinna, Adamonis e tanti altri ancora, messi agli ordini di mister Gaetano Fontana quale frutto del costante e sapiente lavoro effettuato sottotraccia dal Direttore Aniello Martone.

Adesso tocca ai tifosi che, dopo aver vissuto una “notte magica”, dovranno concretamente mostrare la loro vicinanza facendo schizzare sempre più in alto la richiesta di abbonamenti.

Sarebbe la prima, immediata dimostrazione, tangibile e concreta, di condividere appieno gli sforzi messi in atto finora dal Presidente D’Agostino.

Senza se e senza ma!

Condividi!