Sport

La Casertana non riesce a fare risultato al “Granillo” contro la Reggina

La Casertana era chiamata al “Granilllo” di Reggio Calabria a confermare la miniserie positiva di due vittorie consecutive, continuando la sua rincorsa verso la migliore posizione possibile per i play-off. E la formazione di mister Pochesci sfoggia il capocannoniere del girone, quel Gigi Castaldo che, in rossoblù, ha segnato come non mai nella sua carriera. Accanto a ciò sembrano avviati al recupero anche gli “storici” infortunati il che pare essere un buon preludio per il fase finale di questa stagione sportiva. L’impegno però è di quelli difficili in quanto la Reggina si gioca le sue ultime, residue speranze di rientrare in uno dei posti utili a disputare anche essa i play-off.

Il tecnico dei calabri Cevoli schiera dall’inizio Salandria al posto di Marino ed affida alla coppia Tulissi-Bellomo il compito di perforare la difesa rossoblù mentre vi è solo panchina per l’ex. Alan Baclet. Mister Pochesci recupera finalmente Pinna, ma, non avendo i 90’ nelle gambe, lo preserva inizialmente in panchina confermando il 3-5-2 adottato nella prima mezz’ora col Siracusa con l’unica variante di Zito al posto dell’indisponibile Meola.

Parte subito forte la squadra di casa. Non è passato ancora un minuto e Tulissi confeziona la prima seria azione da gol: su assist di Bellomo, la palla supera Adamonis ma l’attaccante conclude a lato, praticamente a porta vuota. La Casertana cerca la reazione, ma le conclusioni di Blondett (10’) e De Marco (13’) finiscono a lato e tra le braccia di Confente rispettivamente. Di ben altra pericolosità il triplice tentativo amaranto di passare in vantaggio. Al 14’ Tulissi servito ancora dalla sinistra colpisce a botta sicura ma Adamonis col ginocchio riesce a deviare sul palo alla sua sinistra. Al 26’ dalla bandierina Bellomo pesca Kirwan in piena area di rigore ed il suo perentorio stacco di testa colpisce la traversa piena. Altra azione pericolosa al 41’ con De Falco che raccoglie una respinta di Blondett ma il suo gran destro chiama Adamonis alla deviazione in angolo con la mano di richiamo. Dopo 2’ di recupero si torna negli spogliatoi.

Non ci sono sostituzioni alla ripresa delle ostilità, ma Pochesci sposta Zito in posizione più avanzata cercando di dare maggiore concretezza al reparto offensivo. Il suo dirimpettaio Cevoli a sua volta mette Strambelli nel ruolo di trequartista alle spalle dei più larghi Bellomo e Tulissi. A bordo campo cominciano a scaldarsi sia Baclet che l’ex Aversa Normanna Martiniello, segno evidente che anche la Reggina, nel gioco psicologivo vuol fare intendere ai falchetti che ha tutte le intenzioni di vincere il match. Ma il primo cambio annuncciato è quello di Pinna che torna in campo dopo 14 partita di assenza. Con Zito avanzato l’ex Cosenza va a coprire la fascia mediana di sinistra al posto di De Marco. Tra tutte queste alchimie tattiche, la partita stenta a decollare e non si contano più le occasioni da gol registrate nel corso della prima frazione. Ci pensa Bellomo al 16’ a scaldare il Granillo con un gran tiro dalla distanza che si perde di poco a lato sulla destra di Adamonis. Al 23’ un intervento di D’Angelo su un avversario comporta il giallo per l’ex Avellino che salterà la partita di domenica prossima col Potenza. Alla mezz’ora si ferma vacca e Pochesci lo sostituisce con Santoro. Passa solo un minuto e matura la frittata per la Casertana: su tiro di Bellomo pasticciano Adamonis e Pascali, ne approfitta Kirwan ben appostato sotto porta e per l’esterno amaranto è un gioco da ragazzi depositare in rete. Grandi manovre al 36’ con tre cambi tra le due formazioni e sulle panchine volano anche parole grosse tra i contrapposti schieramenti. La Reggina comincia a giocare col cronometro e tiene lontana la Casertana dai pali di Confente. Ma la partita diventa una corrida con continui falli peraltro scarsamente sanzionati dal signor Marini. Al 5’ di recupero un tiro al volo di Castaldo, altissimo, sancisce la sconfitta dei falchetti dopo due vittorie consecutive: Per fortuna i risultati delle altre partite non sono proprio del tutto negativi per i rossoblù che sono attesi ora al delicato incontro al Pinto con il Potenza e poi alla trasferta assai insidiosa a Lentini contro la Sicula Leonzio.

Alla conferenza stampa del dopo partita, trasmessa in diretta sulle frequenze di Radio PRIMARETE, intervengono nell’ordine l’allenatore della formazione calabra Roberto Cevoli, il mister rossoblù Sandro Pochesci ed i calciatori Niko Kirwan della Reggina e Pasquale Rainone della Casertana. 

Pubblicato da Casertana F.C. su Sabato 20 aprile 2019

 

Reggina – CASERTANA 1 – 0

Reggina (3-5-2): Confente; Conson, Gasparetto, Solini (81’ Pogliano); Kirwan, Salandria, De Falco, Strambelli (91’ Marino), Franchini; Tulissi (63’ Martiniello), Bellomo (81’ Baclet). A disp. Farroni, Seminara, Sandomenico, Ciavattini, Marino, Procopio, Redolfi, Ungaro, Doumbia. All. Roberto Cevoli

CASERTANA (3-5-2): Adamonis; Rainone, Pascali, Lorenzini; Blondett, De Marco (58’ Pinna), Vacca (75’ Santoro), D’Angelo, Zito; Padovan, Castaldo, Zito. A dsip. Zivkovic, Ciriello, Matese, Gonzalez, Genovese, Moccia, Leonetti. All. Sandro Pochesci

Arbitro: Nicolò Marini di Trieste (Assistenti: Mattia Segat e Federico Polo-Grillo di Pordenone)

Reti: 31’st Kirwan

Note: pomeriggio primaverile, terreno in buone condizioni; spettatori oltre 10mila con una cinquantina di tifosi provenienti da Caserta; angoli 5-0 per la Reggina; ammoniti Rainone, Zito, D’Angelo, Blondett, Salandria, Confente; recupero pt 2’ e st 6’.

Appuntamento ogni lunedì alle ore 19,35 sulle frequenze di Radio PRIMARETE (95.00 FM oppure in streaming dal sito www.radioprimarete.it) con “Calcisticamente Parlando”, il magazine condotto in studio da Maurizio Lombardi e Salvatore Orlando con i contributi di Stefanino De Maria e Vincenzo Gazzillo. Possono partecipare alla trasmissione anche le ns. ascoltatrici ed i ns. ascoltatori con SMS al 338.99.48.576, con mail a diretta@radioprimarete.it oppure con msg sulla pagina ufficiale FB di Radio PRIMARETE.

Condividi!