Sport

“Patatrac” della Casertana al Pinto che “scompare” dal campo dopo 15′, perdendo “la testa” e la partita

Dopo il pareggio di Catania subito a causa della mancata concessione di ben due rigori a favore dei rossoblù e la sconfitta infrasettimanale al “Ceravolo” ad opera del Catanzaro che è costata l’eliminazione dalla Coppa Italia di serie C, ci si aspettava di vedere una Casertana al Pinto, impegnata nel secondo derby consecutivo, affamata di punti e di riscatto. Invece tra le mura amiche, la squadra rossoblù ha offerto ai propri sostenitori la peggiore esibizione di questa stagione sportiva, giocando “alla grande” il primo quarto d’ora per poi letteralmente “scomparire” dal campo, dando così il via libera ad una modesta, ma ordinata Paganese. A nulla sono valse quindi le esortazioni di Mister Ginestra che, fino all’immediata vigilia dell’incontro, ha sottolineato ai suoi le insidie della partita e la pericolosità della squadra dell’agro nocerino-sarnese.

La squadra cara al Presidente Giuseppe D’Agostino deve continuare a fare a meno del bomber Castaldo e di Rainone non ancora completamente recuparato, ma che mister Ginestra porta in panchina, pronto a schierarlo alla bisogna nell’ultimo quarto d’ora. Si accomodano in panca ancora una volta Cavallini e Floro Flores. Di contro,  Mister Erra, come previsto, decide di schierare la stessa squadra che ha pareggiato contro il Bisceglie con il duo Diop-Gudagni in avanti.

Partenza a razzo della Casertana con Zito sulla fascia sinistra che manda in tilt la retroguardia avversaria ed al 3’ costringe Schiavino ad un fallo plateale che comporta l’ammonizione al difensore ospite. Si incarica della battuta lo stesso Zito la cui bordata si infrange sulla barriera. Scampato il pericolo la Paganese cerca di tenere la Casertana lontana dalla propria area e si riversa nella metà campo rossoblù. Mossa letale perché all’11’ da spazio al contropiede casertano: Zito si invola sulla sinistra, supera con un dribbling secco Schiavino e mette al centro un pallone sul quale si avventa Starita che trafigge Baiocco. Nonostante il vantaggio acquisito, i falchetti non mollano la presa e spesso Starita e Longo trovano ampie praterie dove affondare, salvo ad essere fermati con interventi al limite del regolamento. Al 21’ primo pericolo per Crispino con uno scatenato Diop che si incunea tra Longo e Silva e riesce a concludere d’esterno con la palla che va a lambire il palo alla sinistra di Crispino. Al 27’ riparte la Paganese ed un innocuo cross proveniente dalla fascia destra manda la sfera sul secondo palo dove Adamo commette una grossa ingenuità affrontando ed abbattendo Perri prima che la palla esca dall’area di rigore; per il signor Collu di Cagliari non ci sono dubbi nell’indicare il dischetto, dove si porta Diop che spiazza Crispino. Tutto da rifare per la Casertana che, al contempo, deve rinunciare anche a Zito che lamenta problemi fisici e viene sostituito da Adamo. Rinfrancata dal pari raggiunto, la Paganese ci prova gusto e al 34’ si porta di nuovo al tiro con Capece che però spara alto. La Casertana non riesce a riprendersi, va in sofferenza e al 37’ deve ricorrere al fallo dal limite per frenare una incursione azzurrostellata. Si incarica della battuta Capece che appoggia a Stendardo il cui tentativo va a colpire il palo di sinistra per poi terminare sul fondo. Al 43’  si concretizza il sorpasso ospite: irresistibile discesa di Panariello che salta come birillo 5/6 avversari e, al momento di concludere, allunga per l’accorrente Guadagni che indovina l’angolino giusto per superare Crispino. Proteste vibrate da parte di Ginestra che viene espulso dall’arbitro. Manca solo un minuto all’intervallo e nel contempo Santoro trova il modo di guadagnare due cartellini gialli e lasciare i compagni in inferiorità numerica. Al duplice fischio (dopo 3’ di recupero) si infiammano gli animi e a stento le due compagini riescono a guadagnare gli spogliatoi.

Data l’inferiorità numerica e lo svantaggio, mister Ginestra manda subito in campo Floro Flores al posto di Origlia, non brillante come in altre occasioni . La Casertana ovviamente attacca a testa bassa, ma in modo confuso e disordinato permettendo alla Paganese di difendersi con ordine,  non disdegnando di tanto in tanto di riversarsi in contropiede dalle parti di Crispino. La partita si trascina avanti stancamente fino al 15’ quando l’ennesimo traversone dalla sinistra porta Diop a concludere ancora a rete, ma l’arbitro annulla la marcatura per un fallo su Crispino. Al 16’ Laaribi calcia una punizione al centro dell’area dove una maglietta rossoblù viene strattonata, ma l’arbitro fa proseguire. Come pure lascia giocare sul capovolgimento di fronte quando a lamentarsi della stessa misura è un calciatore della Paganese. Sono ora frequenti i falli che spezzettano continuamente il gioco con le due squadre che l casertana che non riesce a trovare il bandolo della matassa. Al 21’ Starita si fa largo in area, ma all’ultimo momento viene chiuso in angolo dal portiere Baiocco. Al 25’ ancora Starita penetra in area e viene atterrato nella morsa tra Stendardo e Baiocco, ma nel frattempo si era alzata la bandierina del secondo assistente Torresan. Al 29’ ripartenza degli ospiti con Diop che allarga per Perri che però deve arrendersi alla prodezza di Crispino che gli chiude lo specchio. Parte l’assalto finale della Casertana alla ricerca del pareggio ed i falchetti fanno incetta di corner senza però particolari benefici. Anche Floro Flores torna sulla tre quarti per trovare qualche palla giocabile, ma la cerniera del centrocampo ospite regge bene. Al 39’ altra parata da rimarcare per Crispino che sventa un colpo di testa di Caccetta da pochi passi. La partita proseguirà fino al 99’ e la Paganese chiude addirittura in avanti, ma Diop e Alberti preferiscono gestire il possesso anziché affondare. L’ultimo tentativo rossoblù vede Floro Flores cadere nella trappola del fuorigioco e, nella successiva ripartenza, Alberti rende nero il pomeriggio rossoblù: se ne va in contropiede e, con un preciso diagonale, trafigge Crispino proteso in uscita.  Poi va a festeggiare beffeggiando i tifosi rossoblù: l’arbitro lo espelle tra il parapiglia generale. Ma il 3-1 sancisce la prima sconfitta casalinga di una brutta, nervosa ed inconcludente Casertana.

Nella consueta conferenza stampa di fine partita, nella sala stampa “Mario Iannotta” si presentano il mister della Paganese Alessandro Erra (ex-calciatore della Casertana), quello rossoblù Ciro Ginestra ed un arrabbiatissimo Direttore della Casertana Salvatore Violante.

Pubblicato da Casertana F.C. su Domenica 1 dicembre 2019

CASERTANA – Paganese 1-3

CASERTANA (3-5-2): Crispino; Longo, Silva, Caldore; Adamo (77’ Cavallini), D’Angelo, Santoro, Laaribi, Zito (29’ Clemente, 66’ Gonzalez); Starita, Origlia (46’ Floro Flores). A disp. Zivkovic, Galluzzo, Rainone, Zivkov, Ciriello, Matese, Varesanovic, Paparussso. All. Ciro Ginestra

PAGANESE (3-5-2): Baiocco; Schiavino (57’ Sbambato), Stendardo, Panariello; Mattia, Caccetta, Capece, Gaeta (75’ Bramati), Perri (94’ Carotenuto); Diop, Guadagni (75’ Alberti). Scevola, Scarpa, Carotenuto, Calil, Lidin, Bonavolotà, Acampora, Musso. All. Alesssandro Erra

ARBITRO: Giuseppe Collu di Cagliari. Assistenti: Marco Ceolin di Treviso e Andrea Torresan di Bassano del Grappa.

RETI: 11’ Starita (C) ; 28’ (rig.) Diop (P) ; 43’ Guadagni (P); 53’st Alberti (P)

NOTE: pomeriggio mite, temperatura accettabile, terreno in buone condizioni; spettatori 2000 circa di cui 1040 di quota abbonati e totale assenza dei sostenitori ospiti; angoli 6-3; ammoniti Schiavino, Panariello, Capece e  Baiocco (Paganese), Laaribi e Santoro (CE) ; espulsi al 44’ l’allenatore della Casertana Ginestra, al 46’ p.t. Santoro (CE), al 54’ st Alberti (Paganese). Recupero pt: 3’, st 9’

***********************************

Consueto appuntamento lunedì pomeriggio, dalle ore 19.35, sulle frequenze di Radio PRIMARETE (sui 95.00 Mhz in FM, in DAB+ sul canale 10A del mux CREADAB oppure in streaming su pc, tablet, iphone e smartphone dal sito http://www.radioprimarete.it) con “Calcisticamente Parlando”, il magazine condotto in studio da Maurizio Lombardi, Salvatore Orlando e Cesare Monteleone con il contributo di Stefanino De Maria.

Possono partecipare alle trasmissioni anche le ns. ascoltatrici ed i ns. ascoltatori con mail a diretta@radioprimarete.it oppure con msg sulla pagina ufficiale FB di Radio PRIMARETE o sul nostro profilo Instagram “radioprimaretecaserta” (Ci scusiamo con i radioascoltatori, ma il servizio SMS al momento NON funziona).

Condividi!