Sport

Una JuveCaserta “made in Italy” non riesce a battere Udine al PalaMaggiò

Nonostante si sia giocato in un orario impossibile per esigenze televisive, poteva e doveva essere l’occasione giusta per mettersi alle spalle le ultime sconfitte e le recenti polemiche extrasportive. Invece la JuveCaserta è uscita nuovamente sconfitta dal Palamaggiò ”risolvendo” invece la crisi di Udine che non vinceva da tre turni: una squadra, quella friulana, nettamente alla portata della rimaneggiata formazione allenata da coach Gentile che, anche stavolta, ha dovuto fare a meno del contributo in campo del solito Allen che continua a mostrare un atteggiamento indifferente, quasi “straffottente”, verso la società, l’allenatore ed i compagni. Ed alla fine i giocatori casertani sono usciti tra i fischi dei pur non numerosi supporters bianconeri.

Quella tra bianconeri e friulani è stata una partita equilibrata con strappi da una parte e dall’alta, risolta nelle ultime azioni anche per alcuni episodi che hanno determinato il risultato finale. Anche l’inizio di gara era stato sul piano di parità con gli americani di Udine bravi a tener testa ai bianconeri pur non riscontrando apporto nei compagni. Caserta, dal canto suo, ha trovato più varietà di soluzioni in attacco e, nella parte finale del primo periodo, ha messo a segno un break di 11-2, grazie alle realizzazioni dell’intero quintetto in campo (Giuri, Bianchi, Carlson, Cusin e Turel).

Il 22-12 della prima frazione era sembrato lo specchio di una migliore organizzazione di gioco dei bianconeri, ma in avvio di secondo quarto alcune banali distrazioni dei locali hanno consentito ad Udine di rientrare in partita grazie soprattutto ad otto punti consecutivi di Beverly, cui hanno fatto seguito i canestri di Cromer ed Antonutti che hanno rimesso la partita sul piano della parità (27-26), La tripla di Giuri ha ridato quattro punti di vantaggio ai casertani, ma lo stesso Beverly, Nobile e due canestri di Amato hanno consentito ad Udine di andare in vantaggio sul 32-30. Il tiro dalla distanza di Giuri ha ribaltato nuovamente le sorti del confronto, ma Antonutti ed Amato hanno confezionato sul finire altri cinque punti consecutivi che hanno consentito agli ospiti di andare all’intervallo lungo in vantaggio di 4 lunghezze (33-37).

Al rientro in campo erano Hassan e Paci a guidare il sorpasso casertano sul 39-38 e, per tutto il terzo periodo, la JuveCaserta ha controllato gli avversari ed ha mantenuto il comando delle operazioni, senza però riuscire mai ad imprimere una reale supremazia. La penetrazione vincente di Carlson a fil di sirena manda Caserta all’ultimo mini intervallo in vantaggio per 50-48.

Chiuso il terzo periodo in vantaggio di soli due punti, è stato facile per Udine riportarsi al comando con una tripla di Amato ed un canestro di Gazzotti. Tre punti consecutivi di Hassan hanno riportato la gara in parità prima di un break di 10-0 determinato da sei punti di Beverly, due di Croner e di Antonutti. (53-64). Paci ed Hassan hanno ridotto il gap prima che Cromer ridesse la doppia cifra di vantaggio alla sua squadra (56-66). La reazione dei casertani è veemente e Paci, Carlson e Giuri con sette punti consecutivi riportano i locali ad un solo possesso e recuperano palla in difesa, avendo così la possibilità anche del pareggio, ma a Giuri viene addebitato un più che discutibile fallo in attacco ad 1’07” dal termine e sulla successiva azione Antonutti riesce a trovare i due punti della vittoria, rendendo ininfluente l’ultimo canestro di Paci.

Ed a fine partita, in sala stampa, coach Nando Gentile, in diretta ed in esclusiva sulle frequenze di Radio PRIMARETE Caserta, non le manda a dire agli arbitri …ed all’irritante Set Allen che ha lasciato la sua squadra “in balia delle onde” friulane.

S.C. JUVECASERTA – Udine 65 – 69
(1/4: 22-12; 2/4: 33-37 (11-25); 3/4: 50-48 (17-11); 4/4: 65-69 (15-21))

JuveCaserta: Paolo Paci 13 (5/9, 0/0), Michael Carlson 12 (2/8, 2/9), Marco Giuri 12 (1/6, 2/6), Norman Hassan 9 (3/5, 0/8), Mirco Turel 8 (1/2, 2/4), Tommaso Bianchi 5 (2/2, 0/2), Marco Cusin 4 (2/5, 0/0), Seth Edwin Allen 2 (1/1, 0/1), Pierluigi D’aiello 0 (0/0, 0/0), Bruno Del Vaglio 0 (0/0, 0/0), Alessio Iavazzi 0 (0/0, 0/0), Andrea Valentini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 13 / 19 – Rimbalzi: 43 20 + 23 (Paolo Paci, Michael Carlson 11) – Assist: 15 (Tommaso Bianchi 6)

Udine: Gerald Beverly 21 (9/9, 0/0), T.j. Cromer 16 (5/7, 2/6), Andrea Amato 10 (3/7, 1/6), Michele Antonutti 10 (4/6, 0/2), Vittorio Nobile 4 (1/2, 0/3), Agustin Fabi 3 (0/0, 1/3), Giacomo Zilli 3 (1/3, 0/0), Giulio Gazzotti 2 (1/3, 0/2), Lorenzo Penna 0 (0/0, 0/0), Mihajlo Jerkovic 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 15 – Rimbalzi: 30 9 + 21 (Gerald Beverly 8) – Assist: 11 (Andrea Amato 5)

Arbitri: Catani di Pescara, D’Amato di Tivoli (RM) e Patti di Montesilvano (PE)

Caserta: tiri da 2 17/38 (45%), da 3 6/30 (20%), liberi 13/19 (68%), rimbalzi 47 di cui 22 offensivi, assist 15
Udine: tiri da 2 24/37 (65%), da 3 4/33 (18%), liberi 9/15 (60%), rimbalzi 34 di cui 9 offensivi, assist 11

***********************************

Consueto appuntamento martedì pomeriggiodalle ore 19.35, sulle frequenze di Radio PRIMARETE (sui 95.00 Mhz in FM, in DAB+ sul canale 10A del mux CREADAB oppure in streaming su pc, tablet, iphone e smartphone dal sito http://www.radioprimarete.it) con “Cestisticamente Parlando”, il magazine settimanale condotto in studio da Eugenio SimioliRosario PascarellaFrancesco Gazzillo con i contributi di Sante Roperto e Mario Della Peruta.

Ospiti della puntata: i due coach, Nando Gentile della JuveCaserta ed Emanuele Di Paolantonio per Imola Basket

Possono partecipare alle trasmissioni anche le ns. ascoltatrici ed i ns. ascoltatori con SMS al 338.99.48.576, con mail a diretta@radioprimarete.it oppure con msg sulla pagina ufficiale FB “Cestisticamente Parlando” di Radio PRIMARETE o sul nostro profilo Instagram “radioprimaretecaserta”.

Condividi!