Sport

Niente da fare al “Gaetano Bonolis” contro il Teramo: fatali alla Casertana i primi 20′

E’ stato indubbiamente un prepartita “agitato” per la Casertana FC che , oltre agli infortunati, ha dovuto fare i conti anche con il Covid-19. Diramati la lista per i convocati per le delicata trasferta di Teramo, si è verificato il primo caso a cui, dopo il giro di tamponi successivi, si è aggiunto anche il secondo, posto prudenzialmente in quarantena in attesa di un secondo tampone a breve. I falchetti, ciò nonostante, sono chiamati a confermare quanto di buono si è visto finora, nonostante qualche svarione difensivo di troppo.

Tra i rossoblù, è indisponibile per infortunio quasi tutto il reparto offensivo con Castaldo, Fedato e Cavallini a cui si si aggiunge anche Origlia. Non sono dell’incontro neanche Santoro e Ciriello. A Izzillo, Icardi e Bordin il reparto di centrocampo con Hadziosmanovic e Valeau sulle fasce. In attacco Cuppone e Matarese con l’ex Rieti De Sarlo in panchina.

In  casa biancorossa assenti Gerbi, Minelli (distrazione collaterale), Soprano (distrazione adduttore) e lo squalificato Diakite (al suo posto Piacentini) mentre non ce la fa Bombagi (sostituito da Mungo) a recuperare dal malanno alla schiena e finisce in Tribuna. Anche l’ultimo giro di tamponi anti-Covid 19, intanto, è risultato essere negativo per l’intera squadra teramana.

Partita subito in salita per la Casertana che, dopo il primo possesso che frutta il primo corner della partita, è costretta a capitolare immediatamente dopo. Tendardini conquista un calcio d’angolo che frutta il vantaggio: il cross dalla bandierina pesca la testa di Iotti, lasciato tutto solo nell’area di porta, che non ha difficoltà a trafiggere Dekic. La reazione ospite è affidata ad un tentativo dalla distanza di Bordin con una deviazione che non sorprende però Lewandoski. Al 18’ Dekic è costretto all’uscita disperata su Ilari lanciato a rete in seguito ad un errore di Carillo e, sul susseguente angolo, è ancora una testa teramana a portare pericoli alla porta casertana, ma stavolta la sfera finisce a lato. I biancorossi di Paci sciorinano un bel calcio, ma sono facilitati nel loro compito da vistosi errori del centrocampo rossoblù. Al 20’ arriva il raddoppio: Costa Ferreira lavora un buon pallone sulla sinistra e fa partire un traversone per il centro area dove la testa di Pinzauti confeziona un prezioso assist per Ilari che, d’esterno destro, anticipa Dekic e deposita in rete. Il Teramo, nonostante il doppio vantaggio, continua a tenere il pallino in mano, anche se non produce ulteriori pericoli per Dekic. Ci pensa Pinzauti al 29’ a mettere ansia al portiere serbo con un tiro dal limite che va a lambire il palo alla destra del portiere ospite. Al 32’ si aggrava la situazione rossoblù con Matarese che, in seguito a scontro fortuito, è costretto a lasciare il campo in barella. Al suo posto entra Varesanovic con Guidi che è costretto ancora a cambiare modulo anche se il neo entrato va ad occupare la fascia lasciata vacante dall’ex Frosinone. Al 38’ Dekic viene graziato dal fischio dell’arbitro che pesca in fuorigioco Mungo servito da un delizioso, ma tardivo, lancio di Simone Santoro. Due minuti dopo ancora Mungo viene pescato in posizione di off side su lancio di Pinzauti, ma questa volta il portiere ospite aveva neutralizzato la demotivata conclusione. Al 44’ va alla conclusione Costa Ferreira con una girata di prima intenzione su scarico proveniente dalla linea di fondo, ma la sfera finisce alta. Il signor Caldera di Como concede 3’ causati in gran parte dall’infortunio capitato a Matarese, con la relativa sostituzione.

Ci vorrebbe una Casertana dal piglio decisamente diverso ad inizio ripresa per ribaltare la pesante situazione e qualche segnale arriva, al 4’, con un tentativo di Valeau dalla distanza, ma Cuppone che va a disturbare Lewandoski è pescato in fuorigioco. Ci prova poi al 9’ Cuppone con un tiro che si perde alto. Si fa intensa la determinazione di Cuppone che, facendosi largo in area avversaria, va ad una nuova conclusione deviata in angolo. Intorno all’ora di gioco la Casertana cresce e cerca con la forza d’orgoglio di provare una problematica rimonta. Il Teramo ha allentato un pò la presa ed i falchetti ci credono, ma non riescono a creare occasioni per impensierire la retroguardia biancorossa. Il Teramo non ha ha necessità di accelerare ancora e di contro riesce a contenere le velleità della Casertana. Guidi opera qualche cambio per dare la scossa ai suoi e Paci risponde con sostituzioni tese a gestire al meglio il doppio vantaggio. Al 74’ Di Francesco chiama all’intervento a terra Dekic che riesce a controllare anche il tentativo di tap-in di Ilari. Al 78’ Konate, ultimo uomo a difesa, commette una ingenuità e consente a Viero di mettere in condizione Bunino di battere a rete da solo davanti a Dekic, ma la sfera finisce fuori. Da dimenticare la conclusione di Izzillo all’82’, chiaro segnale di una serata brutta, complicata ancor di più dalle numerose defezioni registrate per tanti motivi. All’84’ Bunino che festeggia il suo esordio in campionato cerca di mettersi in mostra con un tiro a giro che finisce abbondantemente a lato.  Scattano i 4’ di recupero ordinati dal direttore di gara col Teramo ancora padrone della situazione e con la costante permanenza dei padroni di casa nella metà campo avversaria. Finisce senza ulteriori sussulti col Teramo che si porta così in vetta alla classifica e la Casertana che conosce la prima sconfitta del torneo. Ma non c’è neanche il tempo per piangere sulle ferite e sulle disgrazie! Mercoledì pomeriggio alle ore 17.30 c’è da affrontare il coriaceo Catanzaro in quella che dovrebbe essere la seconda partita “interna” del campionato.

Queste le dichiarazioni rilasciate a fine partita da mister Federico Guidi

https://www.facebook.com/casertanafootballclub/videos/1994930013977784/

 

TERAMO (4-2-3-1): Lewandoski; Lasik (78’ Trasciani), Piacentini, Iotti, Tendardini; Arrigoni (78’ Viero), Santoro S.; Ilari, Mungo (64’ Di Franceesco), Costa Ferreira; Pinzauti (50’ Bunino). A disp. Valentini, Cappa, Celentano, Birligea, Di Matteo. All. Massimo Paci

CASERTANA (4-3-3): Dekic, Hadziosmanovic, Carillo (69’ Buschiazzo), Konate, Setola; Izzillo, Bordin, Icardi (69’ Matese); Matarese (33’ Varesanovic), Cuppone, Valeau (64’ Petruccelli). A disp. Zivkovic, Avella, Petito, De Sarlo, De Lucia. All. Federico Guidi

Arbitro: sig. Mattia Caldera di Como.
Assistenti: sigg. Lorenzo Poma di Trapani e Francesco Cortese di Palermo.
Quarto uomo: sig. Marco Marchioni di Rieti.

Spettatori: 591 (di cui 193 abbonati), incasso € 7.719,00.
Marcatori
: 3′ Iotti, 20′ Ilari.
Ammoniti: Bordin (C), Arrigoni (T), Izzillo (C), Viero (T).
Espulsi: –
Recupero: 3’pt, 4’st.

***********************************

Consueto appuntamento lunedì pomeriggiodalle ore 19.35 (ed in replica appena inizia il mercoledì alle ore 00.05), sulle frequenze di Radio PRIMARETE (sui 95.00 Mhz in FM, in DAB+ sul canale 10A del mux CREADAB oppure in streaming su pc, tablet, iphone e smartphone dal sito http://www.radioprimarete.it) con “Calcisticamente Parlando”, il magazine condotto in studio da Salvatore Orlando e Cesare Monteleone con il contributo di Giovanni Pasquariello e la regia di Lorenzo Schiavone.

Questo lunedì ospite della trasmissione: l’allenatore della Casertana, mister Federico Guidi.

Possono partecipare alla trasmissione anche le ns. ascoltatrici ed i ns. ascoltatori con WhatsApp o sms al 338.99.48.576, mail a diretta@radioprimarete.it oppure msg sulla pagina ufficiale FB di Radio PRIMARETE.

 

Condividi!