Sport

Finalmente sfatato il tabù: una generosa Casertana vince al Pinto contro il Monopoli non senza soffrire e chiudendo la gara in nove

Oramai è davvero un tabù per la Casertana quello di non riuscire a vincere una partita allo stadio “A. Pinto” (quattro sconfitte nei quattro incontri disputati finora nello stadio di casa) il che genera ansia, preoccupazione e persino angoscia in tutto l’ambiente rossoblù. Il tutto acuito dal ritorno nell’impianto casertano delle telecamere di “Mamma RAI“, non sempre foriere di buona sorte verso la squadra di casa, più bisognosa che mai di raggranellare punti per alimentare una classifica che si fa sempre più complicata. A complicare ulteriormente le cose, c’è l’avversario di turno, quel Monopoli particolarmente ostico qiando gioca in trasferta ove ha conquistato otto punti in quattro partite con due vittorie e due pareggi ed una sola sconfitta rimediata al “Barbera” di Palermo.

Mister Guidi, oltre agli infortunati, deve rinunciare a due pilastri della squadra, entrambi squalificati: Carillo e Bordin e, giocoforza, schierare Buschiazzo e Konaté in difesa con Setola e l’ex-monopolitano Hadziosmanovic sulle fasce laterali. Torna a centrocampo Santoro accanto ad Icardi ed Izzillo mentre a fare da controaltare a Castaldo sono chiamati in causa Cuppone (altro ex biancoverde) e Pacilli. Dall’altra parte, mister Scienza recupera Giosa in difesa, conferma Zambataro a centrocampo insieme all’ex-rossoblù Giorno e schiera come coppia d’attacco Samele e l’altro ex rossoblù Starita.

Parte a spron battuto il Monopoli: da un rinvio errato di Buschiazzo, la palla arriva a Guiebre che scende sulla sinistra e mette al centro dove Avella respinge sui piedi di Samele la cui conclusione a rete è ribattuta a pochi passi dalla linea fatale. Al 5’ Pacilli si invola verso l’area, ma viene fermato fallosamente al limite da Giosa. Lo stesso ex Rieti si incarica della battuta e la barriera respinge non senza qualche protesta per un presunto tocco di mano di un difensore. I ritmi sono alti sin da subito e le due squadre si producono in rapidi capovolgimenti di fronte allungandosi vistosamente. Al 10’ la Casertana passa: Icardi mette in movimento Hadziosmanovic sulla destra, perfetto il traversone che scavalca Menegatti e trova puntuale sul secondo palo Cuppone che, di testa, insacca e, da buon ex, limita la sua esultanza. Il Monopoli è molto attivo sulla sinistra dove Guiebre è un’autentica furia e, nel giro di un minuto, costringe al fallo prima Hadziosmanovic e poi Castaldo che finiscono entrambi tra gli ammoniti. Al 18’ la Casertana sfiora il raddoppio: una punizione da lunga distanza vede protagonista Santoro il cui bolide fa la barba all’incrocio dei pali. I falchetti prendono la supremazia a centrocampo dove spesso torna Castaldo a dar man forte al reparto per azionare l’incisività della manovra. Al 25’ il primo, facile, intervento di Avella chiamato a bloccare un debole tentativo di Paolucci. Le due ammonizioni rimediate dai falchetti nei primi minuti vengono immediatamente pareggiate dai due gialli rifilati agli ex Giorno e Starita. Al 37’ il raddoppio è servito: un rinvio non perfetto di Menegatti è raccolto da Castaldo che vede partire Izzillo, lo serve ed il diagonale rasoterra dell’ex Avellino si infila nell’angolino alla destra del portiere ospite. Qualche istante dopo tocca a Cuppone impegnare severamente l’estremo difensore biancoverde e il tris sfuma per poco. Ci prova da lontano Giorno con una conclusione che Avella blocca in due tempi. Al 2’ di recupero il Monopoli accorcia le distanze: l’azione – manco a dirlo – si sviluppa sulla sinistra, ma questa volta è Mercadante che confeziona un cross al bacio per Zambataro che, dal vertice dell’area, con un destro al volo batte Avella. Ancora una volta per la Casertana sono fatali gli ultimi minuti del primo tempo.

Non ci sono sostituzioni in avvio di ripresa, ma dalla panchina si alzano in parecchi calciatori che accelerano le operazioni di riscaldamento. Dopo neanche un minuto di gioco lo staff sanitario della Casertana deve accorrere in campo per prestare le cure del caso ad Izzillo, caduto male a terra dopo uno scontro con Guiebre. Ma il centrocampista rossoblù, autore di una prova finalmente alla sua altezza, si riprende rapidamente, sebbene dopo qualche minuto durante i quali il Monopoli cerca di sfruttare la superiorità numerica portandosi dalle parti di Avella che però non corre rischi, se non fisici per uno scontro con Samele. Al 9’ c’è una punizione dal limite per la Casertana e Pacilli manda la palla di poco alta. Zambataro, che aveva provocato il fallo su Cuppone, si ripete qualche minuto dopo sempre sull’attaccante rossoblù e si accende un diverbio con Setola con l’arbitro ha il suo da fare per sedare gli animi. A 30′ dalla fine Scienza cambia le due punte Starita e Samele, mandando in campo Domenico Santoro e Guido Marilungo. Al 24’ ci prova Giosa sugli sviluppi di una punizione, ma il suo tentativo è deviato in angolo. Il Monopoli prende in mano il pallino del gioco e la Casertana si asserraglia nella propria metà campo a difesa del vantaggio. Scienza esaurisce al 26’ tutti i cambi, chiedendo ai suoi lo sforzo decisivo per recuperare il risultato. Intanto una fitta pioggia si abbatte sul Pinto. La Casertana cerca di addormentare il gioco mentre una certa frenesia prende il Monopoli che non riesce mai ad imbastire azioni incisive e le occasioni da rete scarseggiano sempre più. A 6’ dal termine un’altra costante negativa per i falchetti: Icardi incorre nella seconda ammonizione e lascia i suoi in dieci. Guidi, per non sguarnire il centrocampo, manda in campo Matese e toglie Pacilli. All’89’, dopo una smanacciata di Avella che sventa un pericolo, la palla arriva sul destro di Marilungo che spara alto. Pochi istanti dopo una bordata dalla distanza dei pugliesi viene deviata da Konaté ed il portiere rossoblù è chiamato al miracolo per evitare che la sfera finisca in rete. I monopolitani protestano reclamando una deviazione con un braccio in area da parte di Konaté: ne nasce un  parapiglia di cui ne fa le spese lo stesso coloured rossoblù a cui viene comminato – non molto chiaramente, in verità – addirittura un cartellino rosso. La Casertana resta quindi in 9 uomini e sbanda paurosamente. Guidi, un po’ per prendere tempo ed un po’ per rinforzare la difesa, inserisce Ciriello. Subito dopo, il Monopoli, con un cross dalla destra su cui non arriva per un soffio a porta vuota Mercadante, fallisce il pareggio. I rossoblù buttano il cuore oltre l’ostacolo, riescono a resistere e finalmente conquistano la prima vittoria al Pinto della stagione 2020-2021, lasciando la zona play-out in classifica e guardando con maggiore convinzione dei propri mezzi verso la ostica trasferta di Palermo di domenica prossima.

Nel dopo partita, dalla sala stampa “Mario Iannotta“, consueta conferenza stampa trasmessa in diretta sulle frequenze di Radio PRIMARETE con il Presidente del Monopoli Alessandro Laricchia, l’allenatore della Casertana FC Federico Guidi e, in rappresentanza della squadra, il bomber rossoblù Gigi Cupponehttps://fb.watch/2etQ7X1ntm/

CASERTANA – Monopoli 2 – 1

CASERTANA (4-3-3): Avella; Hadziosmanovic, Buschiazzo, Konate, Setola; Izzillo, Santoro S., Icardi; Pacilli (85’ Matese, 94’ Ciriello), Castaldo, Cuppone. A disp. Dekic, Zivlovic, Longobardo, Petito, Petruccelli, Valeau, Origlia, Varesanovic, De Lucia, Polito. All Federico Guidi

MONOPOLI (3-5-2): Menegatti; Giosa, Nicoletti (28’ Sales), Mercadante; Zampataro (71’ Vassallo), Paolucci, Giorno, Piccinni (71’ Tazzer), Guibre; Samele (59’ Marilungo), Starita (59’ Santoro D.). A disp. Pozzer, Bastrini, Arlotti, Antonacci, Nina, Lombardo, Rimoli. All. Giuseppe Scienza

ARBITRO: Paride Tremolada di Monza (Davide Conti di Seregno e Simone Biffi di Treviglio; IV ufficiale Federico Longo di Paola)

RETI: 10’ Cuppone; 37’ Izzillo; 47’ Zampataro

NOTE: serata fredda (8 gradi), terreno in perfette condizioni; angoli 1-3; ammoniti Hadziosmanocvic, Castaldo, Giorno, Starita, Zampataro, Icardi, Santoro S.; espulsi all’84’ Icardi per doppia ammonizione e al 92’ Konaté per proteste; recupero 2’ e 5’

***********************************

Appuntamento domenica 13 dicembre con “DIRETTA STADIO” su Radio PRIMARETE (in F.M. sui 95.00 Mhz, in DAB+ sul canale 10A del mux Creadab ed in streaming su pc, tablet, iphone e smartphone dal sito http://www.radioprimarete.it) dalle ore 14.20 per Palermo – CASERTANA.

In studio Vincenzo Gazzillo Cesare Monteleone.

Possono partecipare alla trasmissione anche le ns. ascoltatrici ed i ns. ascoltatori con WhatsApp o sms al 338.99.48.576, mail a diretta@radioprimarete.it oppure msg sulla pagina ufficiale FB di Radio PRIMARETE.

(Lunedì 14 dicembre dalle ore 19.40 torna la popolare trasmissione di Radio PRIMARETE Calcisticamente Parlando”, condotta in studio da Salvatore Orlando e Cesare Monteleone con il contributo di Giovanni Pasquariello e la regia di Lorenzo Schiavone).

Condividi!