Sport

Una Casertana troppo “sbarazzina” regge un tempo e poi viene travolta dalla “corazzata” Ternana

Poteva e doveva essere una giornata di vera festa popolare con l’abbraccio sincero e fraterno tra due tifoserie gemellate da sempre. Ma, come nella gara d’andata, l’emergenza sanitaria ancora una volta ha impedito ai tifosi il poter essere presenti sugli spalti. Da ambo le parti si è stati costretti a limitarsi all’incoraggiamento della propria squadra alla partenza verso lo stadio “Libero Liberati“, così come hanno festosamente fatto i tifosi casertani dinanzi allo stadio “Pinto” prima che la squadra partisse per Terni. Ad incontrarsi sul campo due squadre entrambe in ottimo momento di forma con una Casertana che, nelle ultime sei partite, ha conquistato persino un punto in più della capolista incontrastata del girone. Il posticipo TV della 4^ giornata di ritorno prometteva pertanto una gara bella da vedersi. E così è stato nel primo tempo quando i falchetti, chiusi nel pronostico e pertanto consci di non aver nulla da perdere, hanno giocato a viso aperto contro i più forti avversari.

Troppa “abbondanza” tra le fila ternane per cui mister Lucarelli può tranquillamente permettersi di dare un turno di riposo a Vantaggiato e schierare Raicevic. Fuori per infortunio Defendi e Salzano, sono chiamati a reggere il centrocampo Palumbo, Faletti e Proietti con Furlan e Partipilo a fare il “diavolo a quattro sulle fasce laterali. Mister Guidi rinuncia ad Hadziosmanovic dando spazio a Polito che non sprecherà l’occasione per mettersi in mostra. Fuori Castaldo, rimasto a Caserta, il trio d’attacco è formato da Rosso, Cuppone e Turchetta mentre Santoro (che si rivelerà poi di gran lunga il migliore in campo dei suoi), Izzillo ed Icardi  nella porzione nevralgica del campo. In panchina Matos che farà poi il suo esordio nella ripresa.

Parte forte la capolista cercando di pressare la retroguardia rossoblù che però riesce a conquistare campo e tenere in allerta senza timore reverenziale gli avversari. Un tiro a terra di Partipilo viene bloccato a terra da Avella e, subito dopo, un cross di Turchetta chiama all’uscita Iannarilli. All’8’ Santoro si incunea in area e crossa per Rosso che conclude a lato, ma qualche minuto dopo la Casertana confezione un’azione ancor più degna di nota; Turchetta scarica all’indietro per Izzillo il cui bolide va a sfiorare l’incrocio dei pali di Iannarilli. I primi 10’ sono nettamente di marca rossoblù e Lucarelli sembra non credere ai suoi occhi per l’intraprendenza dei falchetti. Al 15’ è Del Grosso a sparare dalla lunghissima distanza, ma anche questo tentativo si spegne di poco a lato. Al 18’ si fa viva la squadra di casa con uno schema su punizione di Furlan grazie al quale Raivecic si fa trovare pronto davanti ad Avella, ma la conclusione è fiacca. Due minuti dopo invece una buona punizione è a favore della Casertana, grazie alla quale chiama Iannarilli alla deviazione in angolo. Il gran lavoro di Izzillo su Falletti proibisce all’estroso fantasista rossoverde i rifornimenti verso le punte. Intanto Vincenzo Polito continua a ricevere le “attenzioni” poco amichevole dei dirimpettai umbri e deve per qualche attimo deve lasciare il campo. Al 28’ la gara si sblocca nel momento in cui la Casertana allenta un po’ la presa: un tiro da fuori di Falletti è respinto da Avella, ma sulla sfera piomba come un falco Furlan che infila il portiere casertano impossibilitato ad intervenire ulteriormente. Passano 2’ e la superiorità si concretizza nuovamente con Partipilo che riceve un cross dalla sinistra, evita Del Grosso con uno stop a seguire di petto ed infila sul primo palo Avella. La Casertana impiega qualche minuto per smaltire la doppia, micidiale botta e riprende a giocare sulla falsariga dei primi minuti, ma la granitica difesa locale non concede spazi negli ultimi 16 metri. Al 40’ un preciso cross di Laverone trova Kontek in piena area, ma la palla finisce alta. Su capovolgimento di fronte l’occasione è favorevole per la Casertana, ma l’invito di Rosso trova Cuppone leggermente sbilanciato e la conclusione è sballata. Al 40’ Rosso si mette in proprio e cerca una conclusione che finisce di poco alta. Lo stesso Rosso è ancora protagonista, ma il suo tiro viene deviato in angolo. Sugli sviluppi del quale l’inzuccata di Konate è vincente e l’ivoriano trova il suo primo gol in campionato e la Casertana riapre la partita.

Si torna in campo con un cambio tra i padroni di casa laddove Palumbo (ammonito) viene sostituto da Salzano. Al 3’ la partita la Ternana congela nuovamente l’incontro: la Casertana perde ingenuamente una palla a centrocampo ed è micidiale il contropiede umbro con Falletti che aggira la difesa e porge un assist delizioso per l’accorrente Partipilo che mette il diagonale nel set alla destra di Avella. Torna il refrain dell’ultimo quarto d’ora del 1’ tempo: la Ternana rinuncia a giocare e lascia campo libero alla Casertana che però deve fare i conti con la solita amnesia difensiva: la difesa si addormenta su un invito di Falletti per Raicevic col serbo che si porta davanti ad Avella e lo infila con un tocco delizioso. Guidi corre ai ripari ed opta per quattro cambi in un sol colpo, solo per consolidare il gioco espresso non certo deficitario fino a questo momento. Ed infatti è proprio Matos – uno dei nuovi entrati – a creare qualche palpito a Iannarilli con un tiro che si perde di poco a lato. Ormai il canovaccio è segnato, ma la Casertana non rinuncia a giocare a viso aperto e, anche con il divario tecnico innegabile, tanto vale continuare a tessere le proprie trame anche a costo dell’imbarcata. La manovra dei falchetti è piacevole, ma solo fino a quando si arriva ai limiti dell’area, dove va in fumo tutto il lavoro fatto in precedenza. Al 42’ il divario si dilaga per un altro disimpegno disinvolto: questa volta è Matese a concedere palla agli avversari innescando il contropiede di Partipilo che si porta al cospetto di Avella e porge un assist per Peralta che mette dentro a porta vuota. Non c’è più storia. Il punteggio è troppo severo per una buona Casertana, ma sancisce altresì la netta superiorità della Ternana, oramai lanciatissima verso la vittoria del girone ed il salto di categoria.

Queste le dichiarazioni rilasciate a fine partita da mister Federico Guidi:

https://www.facebook.com/casertanafootballclub/videos/877756562799658

e da Salvatore Santoro, in rappresentanza della squadra:

https://www.facebook.com/casertanafootballclub/videos/347619352969453

Ternana – CASERTANA 5 – 1

TERNANA (4-2-3-1): Iannarilli; Laverone, Boben, Kontek, Frascatore (78’ Mammarella); Palumbo (46’ Salzano), Proietti (71’ Paghera); Partipilo, Falletti (62 Peralta), Furlan; Raicevic (71’ Ferrante). A disp. Vitali, Damian, Vantaggiato, Torromino, Russo, Suagher, Onesti. All. Cristiano Lucarelli

CASERTANA (4-3-3): Avella; Polito, Konate, Carillo, Del Grosso (62’ Rillo); Icardi (62’ Matese), Santoro, Izzillo; Rosso (78’ Longo), Cuppone (62’ Matos), Turchetta (62’ Pacilli). A disp. Dekic, Zivkovic, De Sarlo, Hadziosmanovic, Varesanovic, De Lucia. All. Federico Guidi

ARBITRO: Eduart Pashuku di Albano Laziale (Assistenti: Stefano Lenza di Firenze e Costin Del Santo Spataru di Siena; IV Ufficiale: Simone Galipò di Firenze)

RETI: 27’ Furlan (TR); 30’ Partipilo (TR); 46’ Konate (CE); 3′ st Partipilo (TR); 12’ st Raicevic (TR); 38’st  Peralta (TR).

NOTE: serata fresca, terreno in perfette condizioni; partita giocata a porte chiuse; angoli 3-1 per la Casertana; ammoniti Santoro (CE) e Palumbo (TR); recupero pt 2’ e st 2’

***********************************

Appuntamento domenica 14 8 febbraiodalle ore 17.20, sulle frequenze di Radio PRIMARETE (sui 95.00 Mhz in FM, in DAB+ sul canale 10A del mux CREADAB oppure in streaming su pc, tablet, iphone e smartphone dal sito http://www.radioprimarete.it) con “Diretta Stadio” per seguire la partita Casertana – Teramo.

Possono partecipare alla trasmissione “Diretta Stadio” anche le ns. ascoltatrici ed i ns. ascoltatori con WhatsApp o sms al 338.99.48.576, mail a diretta@radioprimarete.it oppure msg sulla pagina ufficiale FB di Radio PRIMARETE.

Condividi!