Sport

Natale amarissimo per i tifosi rossoblù a cui la Casertana “regala” un’ulteriore sconfitta che chiude uno sciagurato 2021

Ritorna da Rotonda con le “ossa rotte” ed il morale sotto i tacchi una Casertana che non riesce più a ritrovarsi. Ma per non precipitare in una crisi strutturale di difficile risoluzione allontanandosi ulteriormente dal vertice della classifica, la squadra rossoblù ha la necessità di tornare subito alla vittoria per regalare a se stessa ed alla tifoseria un natale a “tinte rosa” che sia almeno di buon auspicio per la ripresa del campionato a gennaio. E lo deve fare subito, tra le mura amiche, affrontando un Molfetta da prendere con “le molle”: la formazione pugliese infatti ha fatto finora più punti in trasferta che in casa per cui guai a sottovalutarla. Il turno infrasettimanale, l’orario di gioco, la vicinanza delle feste natalizie e le delusioni ricevute finora tengono lontano dal “Pinto” non solo un pubblico più ampio, ma persino i tifosi più irriducibili. E questo per nulla è un segnale positivo.

Tornano disponibili tutti per Maiuri tranne il capitano Rainone. In panchina trova persino posto l’ultimo arrivato, quel Simone Addessi proveniente dal  Messina, accanto a Liccardi e Sansone. Il mister sceglie come tridente d’attacco D’Ottavi, Mansour e Favetta mentre conferma il quartetto di centrocampo schierato a Rotonda ove non ha affatto entusiasmato. Mister Bartoli deve rinunciare a De Col e Pozzebon, espulsi domenica, e li sostituisce con Demoleon e Gjonaj, mentre conferma tutti gli ultimi arrivati (Monaco, Lobjanidze e Giambuzzi) già fatti esordire contro il Bisceglie. Traoré si accomoda in panchina ed in campo va Romio. In attacco schiera un altro ultimo arrivo, Cianci, ex Potenza e Monopoli.

Passano appena 30” dal fischio iniziale ed il Molfetta crea già un brivido a Bovenzi con un’azione confusa spostando la palla da una fascia all’altra ed impegnando il portiere di casa che deve fare due passi all’indietro per sventare la minaccia. La Casertana risponde al 5’ con un tiro di D’Ottavi che non si fa pregare per tirare verso Viola, ma il coraggioso tiro sfiora i pali. I falchetti passano al 6’: Monti dalla sinistra lancia sul lato opposto per Chinappi che serve fuori area Vicente il cui tiro a giro beffa il portiere avversario sul lato opposto. Il Molfetta incassa il colpo, ma non demorde. All’8’ l’occasione buona capita sui piedi di Boccadamo e Bovenzi è costretto a superarsi per sventare la minaccia. Al 14’ un lancio di Di Somma mette in movimento Favetta sulla sinistra, il bomber disorienta un paio di difensori e mette al centro dove Mansour di tacco trova la deviazione vincente. La Casertana vola sulle ali dell’entusiasmo ed i falchetti con dialoghi stretti penetrano nell’allegra difesa avversaria. Al 17’ va al tiro Favetta, ma la conclusione è centrale. Partita “in ghiaccio” per i rossoblù? Macché! Il Molfetta accorcia al 21’ addirittura con un contropiede orchestrato da Genchi che riparte veloce, offre la sfera sulla sinistra a Gjonaj e riceve il passaggio di ritorno, facendo partire un tiro che la parte bassa della traversa per insaccarsi. Il “patatrac” per i falchetti non è tanto il gol subito quanto l’infortunio contemporaneo di Pambianchi e Di Somma, scontratisi nel tentativo di chiudere sull’autore della rete. Ed è un infortunio serio tant’è che entrambi sono costretti ad uscire dal campo, lasciando Maiuri senza difensori centrali. Questo cambia completamente la partita con i falchetti costretti ad “inventarsi” una linea difensiva. Al 27’ un innocuo fallo di Vicente viene sanzionato col cartellino giallo dal direttore di gara per cui il girone di andata finisce qua per il brasiliano che salterà la trasferta a San Giorgio. Al 30’ il Molfetta pareggia: un passaggio in linea di Monti trova impreparati i colleghi della retroguardia, ne approfitta Gjonai per impossessarsi della sfera e battere Bovenzi. Al 36’ Vicente cerca il bis di Rotonda con una punizione calibrata che però non inganna Viola. Maiuri tenta la carta Sansone, ma prima c’è un’azione di d’Ottavi sulla sinistra che viene abbattuto da Demoleon ma tra lo stupore generale l’arbitro non concede né il fallo alla Casertana, né tanto meno il legittimo corner che ne è scaturito. Al 45’ la rimonta biancorossa è completata ancora con Genghi che conquista una palla al limite del fuorigioco, supera Feola con estrema facilità e, con un diagonale chirurgico, trafigge Bovenzi. Nonostante tutto, nei 4’ di recupero, la Casertana ha una grandissima occasione per pareggiare, ma Maresca, a botta sicura, riesce a sbagliare spedendo con il suo colpo di testa il pallone oltre la traversa.

Si torna in campo con la Casertana che cerca subito il colpo a sorpresa, ma la girata di Vacca finisce a lato. I falchetti fanno partire il forcing per agguantare il pari, ma offrono spesso il fianco a ficcanti contropiedi sprecati tra il 6’ e il 7’ prima da Genchi e poi di Gjonaj. Maiuri ricorre anche a Liccardi, tirando fuori Vacca, pallida controfigura dell’interessante giocatore della prima parte del torneo. Ma è ancora il Molfetta a rendersi pericoloso con Gjonaj che ruba palla e si presenta davanti a Bovenzi, sparando di poco alto. Al 17’ la Casertana orchestra una bella azione avvolgente conclusa da Liccardi e respinta sulla linea da un difensore a portiere battuto. Ancora Liccardi pericoloso al 25’ con una girata che finisce alta. Ma la partita stavolta va davvero “in ghiaccio”: al 28’ infatti il Molfetta passa ancora con Gjonaj che, lanciato in contropiede, si presenta davanti a Bovenzi che avrebbe potuto pure leggere meglio l’azione ed anticipare l’avversario. Il quarto gol dei pugliesi fa perdere completamente la pazienza ai pochi tifosi presenti sugli spalti che, dopo aver in precedenza incitato encomiabilmente la squadra, al concretizzarsi dell’ennesima sconfitta non trattengono più il loro fermo, ma civile disappunto. La parte finale della partita si trascina senza scossoni fino al triplice fischio finale. Per la Casertana è un crollo verticale che segna a caratteri nerissimi la fine di questa nerissima annata. Giungono forse ad hoc questi 18 gg. di pausa per permettere ai vertici societari, finora colpevolmente “muti”, di riflettere molto seriamente sul da farsi.

Queste le dichiarazioni, rilasciate a fine partita nella Sala Stampa “Mario Iannotta” dello stadio “A. Pinto” e trasmesse in diretta dalle frequenze di Radio PRIMARETE, da mister Vincenzo Mauri:

https://www.facebook.com/casertanafootballclub/videos/3236236343272303

https://www.facebook.com/casertanafootballclub/videos/179747014335274

CASERTANA – Molfetta 2-4

CASERTANA (4-3-3): Bovenzi; Chinappi, Di Somma (22’ Maresca), Pambianchi (22’ Tufano), Monti; Vacca (59’ Liccardi), Vicente, Feola; Mansour, Favetta, D’Ottavi (40’ Sansone). A disp. Trapani, Addessi, Sambou, Capitano, Carannante. All. Vincenzo Maiuri

MOLFETTA (3-5-2): Viola; Demoleon, Panebianco, Lobjanidze; Boccadamo, Romio (62’ Traoré), Monaco, Fedel, Giambuzzi; Gjonaj, Genchi (84’ Sifanno).  A disp. Vitariello, Cianciaruso, Pinto, Dubaaz, Nken, Traoré. All. Renato Bartoli

ARBITRO: Matteo Frosi di Treviglio. Assistenti: Francesco Bentivegna di Agrigento e Alessandro Gennuso di Caltanissetta.

RETI: 6’ Vicente (C); 14’ Mansour (C); 21’ e 45’ Genchi (M); 30’ e 28’st Gjonaj (M)

NOTE: pomeriggio freddo ma senza pioggia; terreno in ottime condizioni; spettatori 200 circa con la presenza di una decina di sostenitori ospiti; angoli 2-1 per la Casertana; ammoniti Vicente per la Casertana, Genchi, Demoleon e Gjonai per il Molfetta; recupero pt 4’ e st 5’

***********************************

I risultati delle altre casertane di serie D:
* Girone F : AURORA ALTO CASERTANO – Sambenedettese 2-3
                     (42′ Romeo (A), 7’st Peroni (S), 12’st Mancino (A), 17’st e 40’st Fall (S))
                     Fiuggi – MATESE 1-0 (6′ Rocchi)
Girone G: Vis Artena – GLADIATOR 2-0 (40′ Carbone, 43’st Mastropietro)
Girone I: REAL AGRO AVERSA – Rende 0-1 (30′ Abbey)

************************************

Diretta Stadio Calcio” e “Calcisticamente Parlando” danno appuntamento ai propri ascoltatori per il 9 e 10 gennaio 2022, sempre sulle frequenze di Radio PRIMARETE (sui 95.00 Mhz in FM, in DAB+ sul canale 10A del mux CREADAB oppure in streaming su pc, tablet, iphone e smartphone dal sito http://www.radioprimarete.it).

Nel frattempo appuntamento il 24 ed il 31 dicembre nelle Maratone radiofoniche di Radio PRIMARETE ove, dalle ore 9.00 alle 11.00, vi sarà uno spazio dedicato allo sport casertano.

Possono partecipare alle trasmissioni anche le ns. ascoltatrici ed i ns. ascoltatori con WhatsApp o sms al 338.99.48.576, mail a diretta@radioprimarete.it oppure msg sulla pagina ufficiale FB di Radio PRIMARETE.

Condividi!